CHI SIAMO

  • Questo sito è il supporto informatico del periodico “SARISC” organo stampato dell’Associazione “il Sarisc” di Oltrona al Lago e Groppello.

 

  • L’Associazione è una aggregazione di persone che operano a carattere esclusivamente sociale e culturale

 

  • Si propone di dare impulso alla conservazione dei segni più distintivi della propria identità paesana, di privilegiare la conservazione del territorio e delle tradizioni, di promuovere la valorizzazione delle potenzialità ricettive, turistiche, culturali e storiche, di esaltare il “saper fare” dei nostri progenitori che ha caratterizzato in modo significativo gli ultimi tre secoli della nostra storia.

 

  • La sfera di interesse abbraccia naturalmente anche le pendici del massiccio Campo dei Fiori e i paesi rivieraschi del Lago di Varese che ne condividono la storia.

 

  • Essa è apartitica e aconfessionale ma ha anche lo scopo di promuovere il cosciente e responsabile interessamento dei propri concittadini verso gli aspetti essenziali del nostro vivere inteso anche come compartecipazione alle scelte che ci vedono coinvolti.

 

  • L’associazione esclude dalle proprie finalità qualsiasi scopo di lucro.

 

  • Numerose sono le pubblicazioni dell’associazione consultabili su questo sito o reperibili tramite richiesta al presidente.

 

  • Diversi sono i risultati ottenuti e i progetti in corso per il ripristino e tutela dei siti di interesse storico che riguardano la nostra comunità.

Il sito è aperto, nel senso che: sono gradite tutte le collaborazioni, tutti gli interventi interni e esterni che portino contributi di idee, memorie e scritti di interesse locale.

Perché per il periodico si è scelto questo nome (selciato)

Ul perché em resümàa ul nom sarisc
Sarisc l’è nom che sem dài quand sevum fiöo per fa ul “Palio”, l’eva ul 1954, avevum capii, fin d’alura, che per quij dul Cumun Ultrona e Grupel cüntaven menu dul düu de picch.
Un nomm tant per prutestà perché a Gavirà faseven i viaj cui cübet de porfid e a nünch restava la rizzava piena de böcc, ul sarisc …
I temp in mia cambiaa, anzi … l’è per chest ch’emm pensaa de resümà ul nom sarisc per batezà un giurnalet che l’disa i nost resun e che l’parla de la nosta storia, che l’sia a dispusiziun de tucc, sia quij che g’hè nassü chi e de quij che in vignü chi a stà …
Un giurnalet per parlà dul dì d’incöo di ròpp di noster vicc, parlà de quel che gh’em bisögn, de quel che vürerium e de quel che vürum fa.
Sperum che riva un quaij vün che ghe daga una man a tegnel in pee e che ghe daga culaburaziun … e che riva tanti soci, perché ul sac vòj el stà mia in pee …

Schermata 2015-01-12 alle 17.13.21
Sunt scià in d’un sit ca’l par un paradis
In mezz a l’aria fina, al verd, ai fiûr
Cur lâgh ca spegia i munt senza fa un sfriis
In mezz a tanta grazia dur signuur
In dua ghè pan, salut, pâs è legria;
e mi moves de chi? M’insogni mia!

Da Varese com’era, G. Talamoni

Schermata 2015-01-12 alle 17.13.34La nostra terra è fatta di persone, di luoghi incontaminati e valli che risplendono alla luce del sole;
un vivere lento che scorre in una remota storia rurale fatta di cose senza tempo.
Dai torrenti Tinella e Arianna, partendo dal nostro Lago e salendo per un territorio dal profumo antico ed eterno, fino ai boschi del monte Campo dei Fiori, ogni sasso, ogni scorcio, ogni paesaggio, ogni edificio paesano ti resta dentro.
Un viaggio autentico nelle terre dei nostri padri verso te stesso, da portare ovunque tu andrai.
Perché il Lago, Oltrona e Groppello sono un pezzo di te…Santo Cassani

Schermata 2015-01-12 alle 17.13.45

Lago e alpi dalla pista ciclopedonale

Ul me paes

Dal munt Camp di Fiûr hinn difendü, düu paesòtt, vèrs ul lâch distendü;vüun sôta la culina de Muresö, che l’âlt inveci, sûra a ‘n pugiö.

 

Par pudé rimirai tücc düu, dal vâlt, sül sagraa du la gêsa, basta fa ‘n sâlt, Ultrona, pròpi ai pè te pò vidé, Grupèll, pòch luntân, sübit lì dedré.

 

Da chesta meravigliusa pusiziûn, se capiss pulîda l’evuluziûn, la pârt vegia, l’è chela tacava, la nöova, l’è chela spantegava.

 

Vardà Grupèll, el pâr un serpentûn, indua gh’eva la rungia, i custrüziûn, tücc bèen in fîra, par pudé mej sfrütà, u l’aqua, ul pân du la cumünità.

In di ann indré, gh’eva gran muvimènt, par ul gran de fa di sò stabilimènt, par fa pipp in manera indüstriâl, fin cugnussü a livèll internaziunâl. 

Mò, el ghe dà anmò tantu lavurà, cunfrûnt d’una vòlta, nanca la metà, cèrti mistee sparii de circulaziûn, hann duvü piantà lì o nai in d’un balûn.

 

’Na furtüna, l’è dal vêrd vèss circundaa, la Brüghera, i Bött, adré al lâch e al riaa, de chest chì, pòdum pròpi mia lamentass, però de fa sü cà, büsögn regulass.

D’un fa ‘n salt anmò, sôta ‘l campanîn, l’öcc al và gió, sü Ultrona, lì visîn, se vêd ul centro stòrich, se fa par dí, e i cà vecc ch’even di Garûn, vèrs mesdì 

Cunt i Cinq Piânt, l’è ul sît püssee bèll, se gòod tütt ul lâch, da Böosc fina Bardèll, Cazâch, ul Ciavîn, la Brabia, l’Isulîn, in là ‘n tòch, de San Lurènz ul campanîn.

 

Sügüta cun Cumêr, Barass la visiûn, Vultù, Gavirà, Bregann, ul Mutarûn.

Ul munt Ròsa, sbilzà in ciêl a l’urizûnt, l’è ’n spetacul, cun dedré ‘l sù al tramûnt.

 

Dopu avé vidü sti meravili chì, me pâr de vegh pü nagott de duvé dí.

Gh’è restaa dumà, e l’eva già da ’n pô d’ann, dul Santüari, sentì ‘l sûn di campann…

Maurizio Danelli

Morfologia e toponomastica del paese

Dal monte Campo dei Fiori sono difesi,/ due paesotti, verso il lago distesi; / uno sotto la collina di Morosolo, / quell’altro viceversa, sopra un poggio. – Per poter rimirarli tutti e due dall’alto, sul sagrato della chiesa, basta fare un salto, / Oltrona, proprio sotto puoi vedere, / Groppello, poco lontano, subito alle spalle. – Da questa meravigliosa posizione, /si capisce benissimo l’evoluzione, / la parte vecchia, è quella inglobata, / la nuova, è quella disseminata. – Guardare Groppello, sembra un serpentone, / dove c’era la roggia, le costruzioni, /tutte bene in fila, per poter meglio sfruttare, / l’acqua, il pane della comunità. – Negli anni addietro, c’era gran movimento, / per il gran darsi da fare dei suoi stabilimenti, / per fare pipe in maniera industriale,/ perfino conosciuto a livello internazionale. – Adesso, ci dà ancora tanto lavoro, / a confronto d’un tempo, nemmeno la metà, / certi mestieri spariti dalla circolazione, / hanno dovuto smettere o falliti. – Una fortuna, è dal verde essere circondati, / la Brughiera, i “Bött”, lungo al lago e al torrente, / di questo, non possiamo proprio lamentarci, / però di costruire case, bisogna regolamentarsi. – Nel tornanre ancora, sotto il campanile, / l’occhio cade su Oltrona, lì vicino, / si vede il centro storico, si fa per dire, / e le case vecchie che erano del Garoni, verso mezzogiorno. – Con le Cinque Piante, è il luogo più bello, / si gusta il lago, da Bodio fino Bardello, / Cazzago, Cassinetta, la Brabbia, l’Isolino, / poco più in là, di San Lorenzo il campanile. – Continua con Comerio, Barasso la visione, / Voltorre, Gavirate, Bregano, il Mottarone. / Il monte Rosa, stagliarsi in cielo all’orizzonte, / è uno spettacolo, con alle spalle il sole, al tramonto.- Dopo aver visto queste meraviglie, / mi sembra di non avere più niente da dover dire. / C’è rimasto solamente, ed era già da un po’ d’anni, / del Santuario, sentire il suono delle campane…

Schermata 2015-01-12 alle 17.13.55

Lascia un Commento